EDITI

FOTO

NEWS & EVENTI

 AMICI DI GIANNI

LINK

HOME PAGE

SCRIVIMI

RUBRICHE

FILMATI

RACCONTI PER UN ANNO

CIAO, G

 

Gli intellettuali

 

No, io sono un uomo di cultura, io con quelli lì non ci vado, sono testacchioni… Sì, forse l’impostazione è anche giusta ma ci sono  troppe cose che…Certo che il mondo va male: vuoi che non lo veda?  Sono più a sinistra di loro io!        E’ che loro sono ingenui, ignoranti, non hanno dubbi, mentre io… Io  sono un problematico, e prima di prendere una decisione…

 

Gli intellettuali sono razionali, lucidi imparziali sempre concettuali.

 Sono esistenziali, molto sostanziali, sovrastrutturali e decisionali…

 E poi dicono gli intellettuali: è chiaro sono su un altro livello Loro van lì, pam pam, si picchiano con i fascisti con la Polizia… cosa risolvono? Non scavano, sono grossolani…Io sono anche magro… diffido della gente robusta. Gli operai… no , intendiamoci, io sono più a sinistra di loro…È che tanto non si può far niente… Toh, un po’ di vento: questa foglia che mi batte su un occhio…

Agire, dicono, bisogna agire! Che fastidio questa foglia…Bisogna vedere come si agisce e se si può agire! Intanto batte, eh? Cosa posso fare? Niente, non c’è niente da  fare…

 

  Gli intellettuali fanno riflessioni, considerazioni piene di allusioni.

Allitterazioni,  psicoconnessioni, elucubrazioni, autodecisioni…

 Che fastidio questa foglia…. batte sempre più forte!

Cosa posso fare… niente, non c’è niente da fare….

Va a finire che perdo l’occhio!

 

Giorgio Gaber, Dialogo tra un impegnato e un non so - 1972